Giornata del malato a San Giovanni in Laterano

Anche quest’anno nella basilica di San Giovanni in Laterano si è svolta la Santa Messa per la giornata mondiale del malato.

Sicuramente per molte persone che non sono a contatto con la sofferenza l’undici febbraio appare come un giorno comune, ma per molti altri non è così.

Il dolore e la sofferenza, ovviamente, non devono essere ricordati solo in questo giorno, ma è importante aver presente che sono anch’essi parte integrante della vita dell’individuo e che è proprio grazie ad essi che si possono apprezzare maggiormente i piccoli gesti e le gioie quotidiane.

Per me l’undici febbraio è stata una giornata ricca di emozioni. Purtroppo, non essendo mai stata a Lourdes, è difficile immaginare quanto sia emozionante pregare sotto la Grotta, però, avendo avuto in questa giornata l’occasione di recitare il rosario sotto la statua della Madonna di Lourdes, ho cercato il più possibile di sentire il dolce abbraccio della Mamma Celeste ed ho compreso, anche se in piccola parte, quanto sia toccante averla così vicina.

Un altro momento molto emozionante è stato il flambeaux finale che ha accompagnato l’uscita della statua della Santa Vergine al termine della Messa. Esso è stato come un “arrivederci” che ha scaldato i cuori dei presenti grazie anche al canto “Ave Maria di Lourdes”, con il quale ognuno di noi ha ringraziato la nostra Madre del Cielo per esserci costantemente vicina e per aiutarci durante il nostro cammino.

 

Maria Chiara Mangione

I commenti sono chiusi.