Sociale: “Felice a Testaccio” mette a tavola la solidarietà a favore dell’Unitalsi di Roma

whatsapp-image-2016-11-09-at-09-05-56

Felice a Testaccio“, uno dei ristoranti più rinomati nella Capitale e conosciuto anche all’estero ha messo a disposizione i propri chef per sostenere l’Unitalsi di Roma, con due serate che hanno come slogan “Il gusto della solidarietà”.

Martedì 8 novembre alle ore 20,30, infatti, i cuochi di “Felice” hanno realizzato presso la sede dell’Unitalsi di Via degli Embrici, 32 una serata speciale per la raccolta fondi favore delle attività dell’Associazione che assiste persone disabili e malate. La base della cena sono stati i piatti tradizionali romani. L’iniziativa verrà replicata anche il 29 novembre.

Felice a Testaccio, nasce nel 1936 per mano di Felice Trivelloni. Famoso era il suo vezzo di allontanare i clienti anche se il locale appariva vuoto. Le persone per cui c’era sempre posto erano quelle del quartiere, i facchini del mercato, i muratori, e in generale per tutti quelli che avevano la fortuna di conoscerlo.

Per lui Roberto Benigni, cliente del locale da quando era ancora in cerca di fortuna, ha scritto: «Felice è un uomo onesto, bravo e giusto e quando morirà (a tutti tocca) ci sarà in Paradiso un gran trambusto. Pure gli angeli perderan la brocca. Cristo lo accoglierà con grande gusto. Lo abbraccerà con l’acquolina in bocca e gli dirà, in mezzo a quel presepe “E vai Felì, facce ‘na cacio e pepe!».

Oggi il noto ristorante Felice a Testaccio continua ad essere guidato dalla famiglia Trivelloni che vanta anche una lunga esperienza di volontariato nell’Unitalsi.

“Due serate – spiega Emanuele Trancalini, presidente della sottosezione dell’Unitalsi di Roma – che per noi sono un grande dono e grazie a questa iniziativa potremo potenziare le nostre attività a sostegno delle persone con disabilità e  gli anziani soli, ma anche riusciremo a intensificare le uscite per portare i generi di prima necessità alle persone senza fissa dimora della zona Nord della Capitale”.

“La famiglia Trivelloni – aggiunge Alessandro Pinna, della sottosezione Unitalsi di Roma – da sempre è vicina alla nostra Associazione. Da anni a turno partono per fare servizio a Lourdes a favore dei nostri malati. Questa disponibilità dimostra anche come si possano coniugare mirabilmente la cucina di qualità con la solidarietà”.

whatsapp-image-2016-11-09-at-09-06-08 whatsapp-image-2016-11-09-at-09-06-19 whatsapp-image-2016-11-09-at-09-06-41

Questa voce è stata pubblicata in SOLIDARIETÀ. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.