Unitalsi aderisce alla marcia silenziosa promossa dalla comunità ebraica e Sant’Egidio

Oggi alle ore 19, da piazza Santa Maria in Trastevere, anche l’UNITALSI Roma aderisce alla marcia silenziosa promossa dalla Comunità di Sant’Egidio e la Comunità ebraica di Roma in memoria degli ebrei romani che furono deportati il 16 ottobre 1943 al campo di concentramento nazista di Auschwitz.

Il 16 ottobre 1943 durante l’occupazione nazista di Roma, oltre 1.000 ebrei romani furono presi e deportati nel campo di concentramento di Auschwitz. Solo un esiguo numero, 16 persone, tra cui una sola donna, tornarono alle loro case.

A 70 anni dalla deportazione degli ebrei romani, la Comunità di Sant’Egidio e la Comunità ebraica di Roma, come ogni anno dal 1994, fanno memoria di questo tragico momento della vita della città, organizzando un “pellegrinaggio della memoria“, perché tutti, soprattutto le giovani generazioni, non dimentichino la deportazione avvenuta durante l’occupazione nazista.

Questa voce è stata pubblicata in SOLIDARIETÀ. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.